Tempio di San Giovanni al Sepolcro è una MERAVIGLIA ITALIANA. Clicca sul CUORE e aiutala a vincere il Premio Laurus
Consideriamo Meraviglie Italiane tutte quelle proposte che hanno raggiunto i 1.000 like da parte degli utenti iscritti al portale. La nascita di una Meraviglia Italiana è un importante evento per il luogo che la ospita. Verrà consegnato l'attestato di Meraviglia Italiana e si procederà ad una ampia pubblicizzazione a livello locale e nazionale.
Per ottenere la corona d'alloro che designa vincitore del Premio Laurus, una Meraviglia Italiana deve raggiungere 10.000 like. Oltre alla maggiore valorizzazione della Meraviglia sul portale, le vincitrici del Laurus, otterranno l'assistenza di un'università italiana partner per lo sviluppo e la promozione della Meraviglia vincitrice. Premio Laurus, il coronamento del percorso di Meraviglia Italiana.
Tempio di San Giovanni al SepolcroBeni culturali

Importante testimonianza delle relazioni culturali ed artistiche esistenti tra la città pugliese e la Terra Santa è la Chiesa di San Giovanni al Sepolcro che risulta essere "la replica più fedele della Rotonda dell'Anastasis (Resurrezione) all'interno del grandioso complesso costantiniano del Santo Sepolcro di Gerusalemme". E' opinione diffusa che la chiesa di San Giovanni al Sepolcro fosse stata edificata per volontà di Boemondo I, precedentemente alla sua partenza per la Terra Santa. Fu questo monumento, probabilmente, il primitivo battistero cristiano della città, poi abbandonato, che da Boemondo nnel 1096, poco innanzi la sua partenza per la crociata, fu ridotto a chiesa. La più antica fonte documentaria esistente in cui viene menzionato il monumento risale al 1128. La Chiesa di San Giovanni al Sepolcro si presenta oggi come un origine, con il suo impianto circolare pressochè completo di quasi 20 metri di diametro, caratterizzato dalla presenza di due anelli concentrici, di cui quello interno composto da un sistema con archi a tutto sesto poggianti su otto colonne. Gli scavi eseguiti fra il 1993 e il 1995 al di sotto dell'intera area del temmpio, hanno riportato alla luce i resti di una domus romana di età imperiale (I - II secolo d.C.); si trattava certamente di una residenza di grandi dimensioni, che doveva estendersi anche oltre il perimetro del tempio al di sotto del giardino e degli orti retrostanti. La decorazione pittorica risulta, rispetto al periodo di edificazione del monumento, più tarda e rivela diverse fasi, attribuibili ad un periodo compreso tra la prima metà del XIII e il XIV secolo, ricopre seppur frammentariamente gran parte della superificie delle pareti. Ai dipinti ancora legati alla tradizione bizantiniana si affiancano e si sovrappongono strati che rivelano inaspettati contatti con la pittura serba.

MERAVIGLIAITALIANA

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 0.103 secondi - Powered by Simplit CMS