Sito Archeologico "Villa Romana Pollio Felice" - Bagni "Regina Giovanna" è una MERAVIGLIA ITALIANA. Clicca sul CUORE e aiutala a vincere il Premio Laurus
Consideriamo Meraviglie Italiane tutte quelle proposte che hanno raggiunto i 1.000 like da parte degli utenti iscritti al portale. La nascita di una Meraviglia Italiana è un importante evento per il luogo che la ospita. Verrà consegnato l'attestato di Meraviglia Italiana e si procederà ad una ampia pubblicizzazione a livello locale e nazionale.
Per ottenere la corona d'alloro che designa vincitore del Premio Laurus, una Meraviglia Italiana deve raggiungere 10.000 like. Oltre alla maggiore valorizzazione della Meraviglia sul portale, le vincitrici del Laurus, otterranno l'assistenza di un'università italiana partner per lo sviluppo e la promozione della Meraviglia vincitrice. Premio Laurus, il coronamento del percorso di Meraviglia Italiana.
Sito Archeologico "Villa Romana Pollio Felice" - Bagni "Regina Giovanna"Siti culturali

Sul promontorio del Capo di Sorrento sorgeva una maestosa villa marittima di età romana del I sec. a.C. - I sec d.C. Oggi è possibile  visitare soltanto i ruderi, che possono essere interpretati anche grazie alle notizie forniteci dalle fonti antiche come quella più accreditata di Stazio che la descrive nella sua opera Silvae.. La villa di Capo di Sorrento, conosciuta meglio come “I bagni della Regina Giovanna”, occupava un’estensione di due ettari. La proprietà era suddivisa in due zone: la villa a mare e una domus più a monte con funzione agricola. I due nuclei erano collegati fra loro da cunicoli e gallerie, mentre in superficie vi erano molteplici terrazze artificiali. La villa era raggiungibile sia da terra che da mare, infatti le attività produttive della villa erano legate sia al mare che forniva pesci, crostacei e molluschi; sia alla campagna producendo olio,limoni, il pregiato vino di Sorrento citato in numerose opere di Strabone, Plinio ed Orazio. L’architettura si sposa bene con le bellezze del paesaggio. Gli ambienti mostrano la massima fruibilità del panorama grazie alle ampie finestre, alla passeggiata attorno al porticciolo. L’elemento paesaggistico che lascia senza fiato è un bacino naturale interno che i proprietari amavano sfruttare come attracco e piscina che addobbarono con grande stile. I due isolotti ad ovest mostrano delle strutture murarie che probabilmente li collegavano tra loro con un ponticello. Tra il XV e il XVII secolo in quest’area sorse una torre di avvistamento e una cappella intitolata a Santa Fortunata; della prima è ancora visibile la parte basamentale, della seconda le strutture perimetrali. I settori residenziali nord ed est presentano, all’interno dei vani voltati a botte, tracce di muratura in opus reticulatum, di pavimenti in mosaico a piccole tessere bianche e fascia nera, di intonaco dipinto di rosso e di decorazioni in stucco a rilievo.

MERAVIGLIAITALIANA

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 0.034 secondi - Powered by Simplit CMS