Consideriamo Meraviglie Italiane tutte quelle proposte che hanno raggiunto i 1.000 like da parte degli utenti iscritti al portale. La nascita di una Meraviglia Italiana è un importante evento per il luogo che la ospita. Verrà consegnato l'attestato di Meraviglia Italiana e si procederà ad una ampia pubblicizzazione a livello locale e nazionale.
Per ottenere la corona d'alloro che designa vincitore del Premio Laurus, una Meraviglia Italiana deve raggiungere 10.000 like. Oltre alla maggiore valorizzazione della Meraviglia sul portale, le vincitrici del Laurus, otterranno l'assistenza di un'università italiana partner per lo sviluppo e la promozione della Meraviglia vincitrice. Premio Laurus, il coronamento del percorso di Meraviglia Italiana.
Scaba 'e CresiaSiti culturali

Il santuario di Scaba ‘e Cresia, ubicato all’interno de “sa grutta de is Caombus”, è sicuramente uno dei monumenti più rilevanti del territorio Oristanese e della Sardegna. Il complesso, di natura sacra, è dedicato al culto dell’acqua e consta di una scala in pietra basaltica squadrata, larga circa m 1, di cui sono visibili tre rampe, con gradini con pedata da cm 15 a cm 30 e alzata da cm 17 a cm 25. La prima rampa è composta da 24 gradini; la seconda, costituita da 21 gradini, porta ad un pianerottolo da cui parte sulla destra una diramazione che, restringendosi, diventa impraticabile dopo circa m 25. La terza rampa è composta da un numero imprecisato di gradini, in quanto è coperta da detriti franati che non consentono di leggere la struttura e il terreno, ed impediscono anche la comunicazione con l’esterno. Alla base di queste tre rampe si raccoglie l’acqua piovana. La scala, in alcuni gradini, presenta rilievi incavi circolari di cm 22 di diametro esterno e cm 15 di diametro interno, interpretabili come coppelle. La presenza di questi elementi fa del tempio ipogeico un’ elementare testimonianza dell’età nuragica.

 

Nei pressi di Scaba ‘e Cresia è possibile visitare “Sa Funtana de su Prantu”, una struttura circolare con copertura a tholos, di im¬pianto nuragico e riutilizzata in età storica. Presso tale costruzione è stato identificato un santuario rurale di età punico-romana che ha restituito materiali votivi quali lucerne con tracce d’uso, ceramiche, monete, oggetti in oro e in osso. Nell’area si svolgevano sacrifici animali, testimoniati dai resti faunistici e dalle abbondanti tracce di bruciato. Poco distante si trovano “Le Trebine” due Necks vulcanici, a circa 812 m s.l.m., che testimoniano centri di emissione puntiforme della lava riferiti al quaternario. Queste due punte prendono il nome di Trebina Longa e Trebina Lada. Molto importante, inoltre, per il territorio di Morgongiori è la bellissima scultura rocciosa situata a “Conca Mraxi” chiamata “Testa del guerriero”, modellata dal tempo e dagli agenti naturali. Mentre in località Bruncu Mutzius è possibile ammirare un belvedere. Numerosi sono i nuraghi sparsi in lungo e in largo per il territorio di Morgongiori. Tra essi sono di notevole importanza storica e archeologica il complesso di "Trunku de is pillonis" e altri siti purtroppo in rovina, come ad esempio "Sa Domu 'e S'Orcu", "Santu Miali", "Su Niu de Sa Menga", "S'Arrideli", "Pranu Nuraxi", "Su Pranu Suedda" e "Su Laccu de Su Meli".

MERAVIGLIAITALIANA

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 0.12 secondi - Powered by Simplit CMS