Santuario Oracolare della Fortuna Primigenia è una MERAVIGLIA ITALIANA. Clicca sul CUORE e aiutala a vincere il Premio Laurus
Consideriamo Meraviglie Italiane tutte quelle proposte che hanno raggiunto i 1.000 like da parte degli utenti iscritti al portale. La nascita di una Meraviglia Italiana è un importante evento per il luogo che la ospita. Verrà consegnato l'attestato di Meraviglia Italiana e si procederà ad una ampia pubblicizzazione a livello locale e nazionale.
Per ottenere la corona d'alloro che designa vincitore del Premio Laurus, una Meraviglia Italiana deve raggiungere 10.000 like. Oltre alla maggiore valorizzazione della Meraviglia sul portale, le vincitrici del Laurus, otterranno l'assistenza di un'università italiana partner per lo sviluppo e la promozione della Meraviglia vincitrice. Premio Laurus, il coronamento del percorso di Meraviglia Italiana.
Santuario Oracolare della Fortuna PrimigeniaBeni culturali

Il santuario della Fortuna Primigenia è un complesso sacro dedicato alla dea Fortuna della città di Praeneste (oggi Palestrina,Roma). Si tratta del massimo complesso di architetture tardo-repubblicane dell'Italia Antica. Il santuario fu costruito alla fine del II secolo a.c. La datazione del complesso è tradizionalmente considerato di età Sillana.
I ritrovamenti attestano tuttavia l'esistenza del culto già dal IV- III secolo A.C.
Fu costruito probabilmente grazie a gruppi associati di cittadini, desiderosi di affermarsi dopo essersi arricchiti con i flussi di denaro e di manodopera provenienti dall'Oriente grazie alle guerre ad ai notevoli traffici commerciali. Si trattava con tutta probabilità di una classe devota all'imperialismo romano, ma esclusa dalla vita politica: non a caso Praeneste fu l'ultima avamposto in Italia a venire normalizzato nella guerra sociale e nella guerra anti-Silla.
Il santuario si articola su sei terrazze artificiali, edificate sulle pendici del monte Ginestro, collegate tra loro da rampe e scalinate di accesso. I muri di fondo delle terrazze sono realizzati in opera poligonale e in opera incerta.

Sopra il portico di fondo e la cavea teatrale dell'ultima terrazza sorse nel XII Secolo ad opera dei Colonna, il palazzo Colonna Barberini, ricostruito nelle forme attuali da Taddeo Barberini nel 1640 e dal 1956 sede del Museo nazionale archeologico prenestino.1 
Il Museo espone le opere più rilevanti dell'Antica Praeneste, in particolar modo; la Triade Capitolina (II sec D.C.), il grande Mosaico nilotico (circa 80 A.C.), proveniente da un'aula del Foro repubblicano della città e raffigurante il paesaggio esotico del Nilo; è uno dei pochi esempi conservati di mosaico di epoca repubblicana, le Fortune di Anzio,(II Sec A.C.).
fonti: 1. Wikipedia

MERAVIGLIAITALIANA

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 0.057 secondi - Powered by Simplit CMS